Archivi del giorno: gennaio 27, 2010

i-rot

mentre sto scrivendo il mondo ha appreso. ha appreso che il nuovo strumento con la mela, destinato a far sospirare migliaia di lovoglisti, si chiama i-pad. oggi nel giorno della memoria, nel giorno in cui sarebbe meglio non dimenticare, nel giorno in cui tutti i canali televisivi fanno indietrologia, si scopre che  fra le applicazioni più scaricate per l’altro gioiello che è l’i-phone c’è i-mussolini. e allora non i-capito. non hai capito la storia. serve essenzialmente la testa e saperla usare. serve essenzialmente il cuore e lasciarlo andare. serve anche la ragione. data a chi lo dimostra, di averla. sarebbe meglio puntare meno sugli ascolti e togliere un pochino di orrende cagate dalla tele. puntare meno sulle persone e togliere un pochino di cagoni dalla politica. puntare di più sul valore degli ideali e ridare il pensiero ai giovani che se lo sono scordato dentro un i-pod, un i-phone, un i-pad?

steve (jobs) era meglio chiamarlo – i-rot – e io son mela fan! sia chiaro

e ora che ho sbroccato ecco il broccolo. dopo essere rimasta soggiogata da questa foto e pensando senza leggere che fosse una calamarata ai broccoli, ho avuto voglia di mangiarla fino a oggi che l’ho appunto mangiata a pranzo. improvvisata con avanzi. e buonissima. nell’acqua dove avevo cotto il cavolo cappuccio ho buttato poca pasta tipo calamarata, l’acqua non era molta e la pasta ha subìto una cottura quasi risottata. ho aggiunto poco brodo vegetale e infine il broccolo già lessato ier sera. mangiata solo io. babbo marito e figlio si sono fatti fuori gnocchetti sardi con panna e salsiccia. lamentandosi che non fosse gramigna….ahhh vita grama!

volevo essere un'altra cosa ma va bene così

lo sparso gentilmente si presta a farmi le foto. vede tutto con i colori più accesi. e ha chiamato il mio piatto schifamenti vari. è mio figlio. (e a proposito di figli abbiamo visto “la prima cosa bella” bello bello. sorrisi e lacrime. applauso a scena aperta per tutti tutti i protagonisti, bambini compresi. quando i film italiani sono ben fatti …sono grandi film e con delirio chudo il cerchio.

9 commenti

Archiviato in cose che si dicono, primi piatti, vita