fra le balle

fra le balle in una notte di luglio, seguendo la luna e le lune e le parole di paolo nori, in un anfiteatro che lascia senza fiato, pensando di mangiare qualcosa ma facendosi bastare una pesca e una birra fresca poi, al buio, sentir declamare l’odiséa, fra il fragore delle onde e il dialetto che diventa musica con la voce di un magnani grande interprete …e pedalando ritornare a casa. con le ombre dei cartelli stradali che diventano frecce sull’asfalto e la musica del fiume e gli occhi fosforescenti dei gatti. la magia è fatta.

il bello dell’estate è che basta poco. un poco di buona volontà, un poco di voglia e un poco di tempo per godersela. l’estate. in questo caso me la sono goduta in formato single. che all’altra metà della coppia fra le balle ci sta sempre. a sproposito.

5 commenti

Archiviato in cose che si fanno, per sport, percorsi

5 risposte a “fra le balle

  1. Se vengo io sulle balle (a SEDERMI su quelle balle, voglio dire), mi punge ogni essere vivente, anche organismo monocellulare, che passa per di là…
    Però che gran bella idea l’anfiteatro balloso!
    Ti abbraccio,
    Monica

  2. E’ vero. Ottima sintesi: in estate basta poco. Grazie per questa cronaca, mi hai fatto essere partecipe di una serata incantevole.
    Buona giornata,

    wenny

  3. elisa

    ci sono anche le balle, quelle belle.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...