rosa. dedicato. delicato

vorrei non doverci pensare. per la solita faccenda della testa sotto la sabbia. io mi conosco e non riesco a pensare lontano da me. nel senso che tutto, tutto mi arriva vicino fino a sentirlo. sento la felicità degli altri e mi rende felice. sento la sofferenza degli altri e soffro. nella rete, su fb, nei giornali, alla televisione, sui settimanali, mensili, quotidiani, ovunque si parla di questa iniziativa con il nastro rosa della Lilt. il mese di ottobre diventa l’inno della prevenzione al tumore al seno. è una cosa seria. senza sfumature. vorrei che ogni giorno si pensasse alla salute e si prevenisse con altrettanta attenzione mediatica qualsiasi malattia. un’utopia? però se questa iniziativa serve a convincere una di noi a farsi guardare,  bene. diamo voce e spazio.  la mia amica si fatta un controllo perchè una sua amica si era dovuta operare. e ha scoperto di avere un carcinoma mammario in fase di sviluppo. operata. ha fatto il primo ciclo di chemio. e io che volevo esserle vicinavicina non ho la forza di chiamarla. che ho troppo chiari e vicini i giorni di chemio di mia sorella. e non riesco. e le lacrime non mi sono di sfogo. e neanche le parolacce che penso. e allora smettiamola di pensare che succeda sempre agli altri e teniamo alta la guardia. per tutto. il nostro seno, lo stomaco, i polmoni, l’intestino e la prostata. e i nei. e mangiamo con il cervello. e pensiamo con il cuore. e quando si tratta di agire facciamolo con la ragione, la testa e il cuore.

 

perché non è sempre maligno

 

dedicato alla mia vicina e a marì che non ce l’hanno fatta. dedicato ad anna la figlia della vicina e a santina mia cugina che invece hanno vinto. dedicato a tì, che sta combattendo. dedicato a mia sorella. alle mie zie. allo zio che no. e non era neanche rosa.

tutta la rete oggi si tinge di rosa. l’iniziativa è partita da qui. i link che mi fanno pensare li aggiungerò pian piano.

6 commenti

Archiviato in cose che si fanno, donne, secondi, vita

6 risposte a “rosa. dedicato. delicato

  1. mappy

    clap clap clap !! si scrive forse così un applauso ???
    io per ora ho preso l’appuntamento per il controllo… e incrocio le dita !
    le tue parole sono sempre stupende, riesci sempre ad esprimere ciò che in tante pensiamo ma poi non riusciamo a riportare.
    Un mega in bocca al lupo a chi sta lottando !!
    e un dolce pensiero a chi ormai ci vede da lassù.

  2. Virò

    La tua penna è più tagliente di un bisturi, la tua anima è più dolce del miele…

  3. Leggendoti mi sono tornati i brividi per il ricordo delle persone care perse, per il ricordo della loro lotta, dolorosa e ostinata, mi e’ tornata la rabbia per la perdita, e per il senso di ingiustizia.
    Evviva la testa fuori dalla sabbia, Silvia, ti abbraccio 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...