Archivi del mese: luglio 2011

una ceretta con le amiche

meglio di una cenetta, meno impegnativa, facilmente condivisibile, spesso necessaria. dolore mutuabile e risate assicurate. con la complice intesa, come quando ragazzine, ci si trovava a piccipicciarsi le prime esperierze del tutto.

se sei un ciclista e hai bisogno di una mano, lascia un segno. ti inviteremo a una ceretta con le amiche. (ma quanto mi piacerebbe?)

una ceretta con le amiche. io strappo a te, tu strappi a me. facciamo un strappo alla noia delle sere che, d’estate, non hanno più niente, se non il melone nel piatto.

insalata vorrei che fosse estate:

lattughino, rucola, basilico, pendolini, melone tamaris a pezzettoni, formaggio semistagionato “3 latti”. fotografata con iphone prima di farla annegare in una emulsione di yogurt greco, sale integrale paprika piccante e olio di oliva.

ps

ho sposato un maglioncino. e non sono mai riuscita a chiedergli di eliminareun pochino di lana. vorrei ma non mi piacerebbe. perchè siamo così complicate?

15 commenti

Archiviato in cose che si dicono, viva il piatto unico

siamo nelle pesche

a sò in tal pésgh. am sò trova in tal pésgh, i ma mès in tal pésgh. lo diceva la mamma con aria contrita e uno sguardo preoccupato, quando la situazione per lei si faceva difficile. mi è ritornato in mente prepotente questa frase quando con la bicicletta mi sono trovata a dover evitare una pesca, gettata con il morso di fresco, a concimare una ciclabile preda di erbacce e pesche appunto.

sono nelle pesche, mi sono trovata nelle pesche, mi hanno messa nelle pesche. risalire al significato potrebbe essere facile. il periodo della raccolta pesche arrivava tutto in una volta e ci si doveva dar da fare a coglierle. per non trovarsi con pesche troppo mature, brodolose, col pelo per giunta.

giravo con babbo e con uno strano aggeggio, il calibro,  che serviva a misurare la circonferenza delle pesche,  perchè il magazzino della frutta dettava precise regole di raccolta, mai sotto la tal misura, di seconda quelle che misurano x, di prima quelle xy. e il compito del mediatore er a quello di controllare che il contadino non “furbeggiasse”. per me era una festa. sulla 131 del babbo, con il plaid sui sedili posteriori (se no “us inciosa la machina”) si partiva la mattina e si andava a “cà di cuntadein”. accolti nei campi, a volte con qualcosa da battibeccare,  più spesso col sorriso, tornavamo a casa pieni dei doni che ci facevano, pesche, meloni, cocomeri e tutto quello che la terra produceva. adoravo le pesche bianche, pelose e zuccherine, varietà antica che oggi si trova raramente. con le mode fruttarole e gli innesti dei vivai ecco arrivare le nettarine; nei primi anni un boom assoluto, anche di varietà facili da coltivare, ma totalmente insapori. oggi, finalmente, inversione di tendenza e ritorno al buono. sono tornate le pelose, le tabaccaie o saturnine, ci sono anche le bianche col pelo. buonissime, le nettarine di romagna igp

ancora oggi io vivo la campagna con gli occhi del babbo. con la tribolazione se si sente un tuono e si pensa alla grandine, con il dispiacere di sentire che ai contadini la frutta viene pagata niente,  la protesta di coldiretti che regala ai poveri per non cedere al mercato mi ha toccato, profondamente. quanto prende un contadino per un kg di pesche? circa 19 centesimi. costa di più farle raccogliere. a quanto le troviamo noi sui banchi dei super? serve commentare?

adesso siamo nelle pesche. e io me le godo così:

insalata di pesche e formaggio: preferisco le bianche con un formaggio tre latti (capra, pecora, mucca a pasta morbida), taglio a tocchetti e aggiungo pochissimo sale dolce di cervia e un filo di olio brisighello. basilico o mentuccia a chi piace.

mangia e bevi di pesche e yogurt gelato: con quelle che ho in casa, anche le troppo mature, una generosa pallina di yogurt gelato e un sbriciolata di amaretti. o lingue di gatto.

ps: vorrei provare il sorbetto alla pesca. ma son troooopppo abitudinaria!

23 commenti

Archiviato in cose che ci mancano, dolci, fine pasto, secondi, viva il piatto unico

se nutrire il sè

diventa un’esigenza impellente. e ti accorgi di cercare cose lontane dal solito. oppure uguali ma abbandonate da tempo. riprendere la matita per riempire spazi bianchi. che cosa apparirà? in un processo contrario prendere una gomma di ferro e togliere gli spazi neri. la fatica fisica che libera la testa. che cosa apparirà?

non voglio ascoltare la parte di me delusa dagli altri e allora mi muovo a cercarne altri ancora. di se, per provare a fare una cosa mai fatta da me: ognuno per sè

ho scollegato i pensieri. si legge vero? solo fisico. e tavola diversa.

sono partita per fare questa di hysteria, ma prima di accendere il forno ho fatto anche questa che lo sparso lo sformato non lo.

riso integrale con gamberi: l’insalata di ieri. per 2.

riso integrale misto 6 cucchiai, 400 gr di gamberi, due pomodori in graticola, ciliegini, rucola e spezie

ho messo a bagno il riso integrale la sera prima e la cottura è scesa da 40 a 30 minuti ma, era un pochino mappazza. l’ho freddato e sgranato a manazza. poi l’ho mischiato con un paio di pomodori in graticola  cotti dal giorno prima, di quelli da pucciare con la ciccia, rosmarino e aglio. poi ho sgusciato, pulito e saltato i gamberi in padella rovente con poco aglio schiacciato, li ho uniti al riso da freddi, ho tagliato i ciliegini e spezzettato la rucola. olio e sale, mescolato. io me ne sono servita quattro mucchietti sul piatto. ho con lo zenzero, unmo con la paprika, uno con il timo fresco, uno con l’origano. poi ho rifatto il giro. mi sono piaciuti tutti! lo sparso mi ha guardata con la faccia di traverso, ha mangiato meno riso di me con espressione perplessa, ha ripulito il resto dei gamberi e mi ha chiesto il mascarpone.

alle due del pomeriggio pà si è alzato a fare colazione. il suo sè è stato nutrito dalla notte.

18 commenti

Archiviato in cose che si dicono, viva il piatto unico

dall’alba al tremonti

in un paese dove la comunione di interessi fa nascere eventi che iniziano all’alba di un sabato, con ragazzi che suonano fra le balle, con giovani manovali che le caricano sui trattori, con architetti che le posizionano in attesa degli spettacoli che verranno; in un paese che muove le menti a inventare bellezza, in un paese che ha inventato la pizza, il gelato e che basta una chitarra per fare serenate

Questo slideshow richiede JavaScript.

in questo paese ci incantano i serpenti, ci facciamo suonare da un branco di incompetenti, mettiamo tremonti sopratutto e crediamo che sia disposto a lavorare per noi. quando è così chiaro che sta lavorando solo per loro.

in questo paese io mi sento sempre più lontana da quello che volevo. e questa classe politica mi sta sulle balle. ne ho piene le balle. mi ha rotto le balle

e grazie al caldo che non mi toglie la voglia di mangiare, ai filari di pomodori visti la mattina, ai colori di una bandiera che vorrei meno retorica dedico il pranzo.

friselle:

la ricetta per fare le friselle è quella di lydia, io le ho comprate integrali al banco del salto, troppo pigra per impastare e troppo scarsa con la madre che giace non reattiva.

però suggerisco acqua di ridracoli per bagnarle, pomodori dell’orto della moni per gustarle e basilico del vaso in giardino per compleatare. condire con sale integrale dolce di cervia e olio extravergine di brisighella. io ho provato anche la versione con origano siciliano. devo ancora decidere quale preferire. ne preparerò altre e me le porterò in picnic tra le balle. di notte con la luna, fortuna a noi.

note d’alba musicale a cura dei radadum.

e nota mia finale: ho notato che mai come in questa appariscente classe politica attuale si evidenzino parrucche, parrucconi, toupè e pantegane. stanno cercando di nascondere l’evidenza.

 

23 commenti

Archiviato in cose che si fanno, musica, viva il piatto unico

napul’eh!

iscriversi a groupon è stato un attimo. e un attimo acquistare un paio di offerte di pacchetti week. sono convinta che l’unico modo che abbiamo per sopravvivere al quotidiano sia vivere lo straordinario ogni volta che possiamo.  l’offerta era una notte romantica a napoli (leggo napoli, penso pizza, al romantico ci arriveremo poi). 6 mesi per spendere il coupon. comprato a dicembre, mi basta poco per pensare che l’occasione di unire il viaggio in costiera alla notte napoletana è da prendere al volo. e allora anticipiamo la partenza di un giorno. e aggiungiamo solo il necessario per cercare la pizza più buona della città e il numero di un’amica che mi piacerebbe abbracciare. l’hotel è nei quartieri spagnoli. colorati, coloriti, mercanteggianti, da guardare dal basso in alto, di qua e di là. ogni incrocio una prospettiva. dalla stazione a piedi, con i motorini che si affiancano e ci sfiancano, con il lastricato che mette in ginocchio i trolley,  con il sole che fa caldo, che fa sud. napoli che mi piace ogni volta, che se chiedi un’indicazione ne ricevi tre, che la voglia di parlare e attaccar bottone. avremmo dovuto comunicare l’orario di arrivo. la stanza non è pronta come dovrebbe, non c’è problema. usciamo a mangiare

sorbillo è la meta. e la fila, il posto, la pizza sono da provare,  anche se il cornicione non è così alto da buttarsici di sotto, la tua pizza è una poesia, il fiordilatte una crema  e i sapori nell’insieme perfetti. però, caro sorbillo, per favore,  i bicchieri di plastica no, per favore no, per diminuire i rifiuti  e per dare un sapore più tondo alla birra. il resto va bene com’è. anche il conto. 15 euro due pizze e due birre grandi.

e poi il caffè che ricordavo perfetto in piazza dante nell’altra fuga napoletana, la pennica di pà e il mio vagare alla ricerca delle cose che voglio portare a casa. piazza plebiscito, i capannelli di gente, il carrettino con il ghiaccio e i limoni. la discesa verso il mare, castel dell’ovo. non imparerò mai a vederla abbastanza napoli. e l’amica che arriva, passeggiare per la città con gli occhi loro che la conoscono meglio, un caffè al gambrinus, via chiaia, la villa e,  per favore ancora pizza stasera, ma brandi mi ha delusa, puntano sul turista e lo colpiscono. la margherita qui  sarà anche nata, ma qui la faranno morire se mettono mozzarella acida e basilico bruciato. buona la compagnia però e la passeggiata notturna. adesso li vedo i cassonetti pieni di spazzatura sui corsi è quasi mezzanotte e la città è ancora viva.

rientriamo in camera, eccola la nostra notte romantica, candele per terra, petali di rosa (di stoffa) sparsi ovunque, un cuore sul letto, un vassoio di salumi, formaggi e mozzarella, una bottiglia di spumante dolce. ridiamo divertiti, forza ragazzo, datti da fare adesso è il momento.

alle 7 suona la campana con insistenza,  la chiesa (dai poteri miracolosi) chiama, il brulicare di gente nei quartieri spagnoli urla  e io vado a correre. le strade sono pulite, nessuna traccia di immondizia, i marciapiedi lavati, un curato in passeggiata, il lungomare di sole. incrocio chi corre e ci salutiamo riconoscendoci ovunque.  il caffè dal professore e una sfogliatella alla galleria umberto. la colazione in albergo e il bus che ci porta alla stazione. napul’è ‘na meraviglia.

nota bene: il caffè l’ho pagato 80 centesimi e 90 centesimi dal professore. da noi costa 1,10 € la differenza è che il loro è meglio. e basta.

poi il ritorno alla realtà l’allarme immondizia. la stretta al cuore perchè ogni luogo che tocco diventa casa mia. ma ieri, la notizia*, che apre la speranza la raccolta porta a porta da settembre e un grande in bocca al lupo al nuovo sindaco che ce la mette tutta, con  i napoletani, per cambiare le cose.

* la notizia sarà la mia prossima pizza a napoli. fino ad allora grano spezzato o’malomm a sanpatrignano.

26 commenti

Archiviato in cose che si dicono, cose che si fanno, viaggi

saint-jacques vs san giovanni

9 spighe di grano, nove steli di lavanda, nove fiori di iperico raccolti nella notte di san giovanni, umidi di rugiada con i piedi nudi sull’erba per entrare in contatto con le energie dei riti dei tempi. notte di grilli, anche per la testa, se penso che basti seguire queste semplici indicazioni per dare una svolta magica alle cose. mi costa nulla e mi diverte e mi da il brivido aggirarmi nella notte, nella notte delle streghe, a cercar segni senza inganni. non avevano bisogno di televisione un tempo, se le creavano a scadenze fisse le cose da fare. come accendere i fuochi per bruciare quello che non va. a cadenza quasi trimestrale se andiamo a leggere nelle tradizioni. il nocino non lo preparerò, ma la camminata con la signora cristina, tedesca di germania, emigrata in italia per stare con i nipotini, che ci ha guidate alla ricerca delle erbe mediche con istruzioni per pediluvi, tisane e pozioni salvifiche per fisici stanchi…è stata bella, divertente e istruttiva. nella sera di san giovanni che ci ha viste donne con il sogno di far magie per guarire il mondo.

e dal pescavendolo di fiducia le conchiglie saint jacques, un santo tira l’altro soprattutto a tavola:

semplicissima preparazione dal risultato eccezionale:

9 conchiglie lavate e pulite, sale, olio, basilico fresco.

ho scaldato un padellino antiaderente fino a che gettando un poco d’acqua non forma palline, ho adagiato in padella le cappesante, un minutoper lato e le ho riposizionate nella loro conchiglia adagiandole su una foglia di insalata. salate, oliate e basilicate. ottime e abbondanti, le ho fatte sparire tutte io. la magia è compiuta.

le conchiglie. tante.

12 commenti

Archiviato in cose che si fanno, donne, secondi