Archivi tag: tradizioni

una mantenuta, anzi tre

le premesse esattamente un anno fa c’erano tutte. e se devo tirare le somme adesso che mi accingo a scrivere le mie nuove promesse…una l’ho mantenuta in toto. la prima. ma anche la seconda e la sesta. potevo fare meglio. ma mi sono impegnata tanto.

sono passati 365 giorni, uno dopo l’altro. di quanti mi ricordo davvero bene? di quanti posso dire …”uao!”? l’ennesimo elenco?

il babbo. la borsa. la spalla. la casa.la classea. la borsa con il portafoglio e l’ipod e 600euro. 50 euro. i mac, 2. le foto.  il tempo. cose che non torneranno mai.

e le maglie continuano a perdere il pelo e le scale sono sempre da pulire, il forno cuoce di più da un lato, non esistono più le cuffie di una volta, la lidl ha aggiunto troppe marche note ed è diventata come gli altri. la pista ciclabile è pericolosa. i lievitati mi fanno ancora paura. spesso non so dove andare ma ci vado di corsa. gli autovelox scattano. piove di domenica e spesso anche di lunedì. due o tre appuntamenti la stessa sera. lo stesso giorno. spesso la stessa ora.

con i piedi per aria mi concentro sul duemila11. scrivo la prima pagina della nuova mosk e prometto:

che non lascerò mio marito neanche quest’anno. non dopo che mi ha stupita il 31 dicembre con tre decisioni autonome e una sorpresa.

che smetterò di tentare di far crescere lo sparso. che sgombrerò casa dei miei se avrò assistenza psicologica. che continuerò a preferire le persone vere.

che non mi lascerò andare. che ballerò a ogni musica che mi farà ballare. che scriverò. che leggerò. che ascolterò invece di parlare. che aspetterò che mi venga chiesto prima di dire la mia.

e continuerò a pregare affinchè siano i buoni ad avere la meglio e non i soliti vaffanculissimi approfittatori.

buon duemilaundici in cielo, in terra e in ogni luogo.

15 commenti

Archiviato in cose che si dicono, vita

promesse premesse

io non riesco sempre a mantenere le promesse. e questa è la premessa

il primo dell’anno a casa mia la tradizione non voleva donne alla porta. ma uomini e bambini (con la coda) che andavano di famiglia in famiglia a fare gli auguri. c’era un vassoio di paste fresche e tante monetine che servivano per premiare chi si avventurava nel gelo di gennaio.  si apparecchiava col servizio buono e si guardava il concerto da vienna in televisione, a tavola, in religioso silenzio. sotto al piatto del capofamiglia la letterina con i buoni propositi. caro babbo, per quest’anno ti prometto:

che non chiederò il divorzio e cercherò di sopportare ancora. anche quando mi viene forte il desiderio di dire basta.

che cercherò di mettere ordine nelle carte che mi affogano e nei cassetti che straripano.

che ci penserò bene prima di rispondere urlando e che quando ci avrò pensato ti prometto che ci ripenserò. (poi non ti assicuro che non urlerò)

che invece di dire si a tutti selezionerò. che non mi farò trovare di nuovo impreparata a me stessa e agli impegni presi

che cercherò di approfondire le amicizie e gli incontri che mi sono sembrati speciali. che non lascerò spegnere la fiamma.

che continuerò a pensare e a dire, a indignarmi e a sognare. che non lascerò che il quotidiano uccida lo straordinario.

e che se fosse una nuova storia la cosa che più mi serve…la scriverò. con gli occhi neri e un bel pensiero in testa.

7 commenti

Archiviato in cose che si dicono, vita